Il circo è a Pramollo, sulla ferrata Daumling

20.12.2015

Dondolando come un pendolo su questo ponte tibetano mi rendo conto quanto sia stato portato all’eccesso il “consumismo alpino” dai nostri confinanti. Pensieri che balenano nella mente fra una sommessa maledizione a chi ha tracciato questa ferrata e le risate provocate dagli amici. Loro il ponte tibetano, spauracchio dell’intero tracciato, l’hanno già oltrepassato e gli viene facile sfogarsi con il sottoscritto che un po’ impacciato avanza claudicante sulle funi di ferro ad una buona dose di metri dai ghiaioni sottostanti. Mi sembra di essere Fantozzi che si incarta; a memoria non ricordo di preciso la scena ma ho la stessa motilità disinvolta del ragioniere. Non che abbia paura, il tutto resta nel campo del divertimento senza pericoli, tuttavia mi chiedo più volte lungo questa attraversata a mezz’aria cosa porti le popolazioni tibetane a costruire questi “ponti” che hanno una comodità di percorrenza pari alla neve che c’è oggi qua attorno – zero!

Il primo tratto verticale
Il primo tratto verticale

 

Verso l'attacco
Verso l’attacco

Oggi è la giornata giusta per ascoltare il lato polemico che ho dentro.

Dalla cima della piccola torre Daumling osservo sciatori che disegnano curve su stentati geroglifici di neve artificiale. Elemento bianco di qualche mastro nevaio che con alchimie sconosciute riesce a produrre, in maniera alquanto incredibile, il bianco elemento da dare in pasto al popolo dello sci da discesa anche se oggi, e così da tutta la stagione autunnale, c’è un inversione termica tale che la ferrata a cui siamo appesi potremmo percorrerla in maglietta.

Sulla seconda parte
Sulla seconda parte

 

Il ponte tibetano
Il ponte tibetano

Quale dev’essere il limite etico per portare avanti un carrozzone del genere quando le condizioni della montagna remano contro quello che dovrebbe essere la normalità?

Ha senso prosciugare riserve idriche così importanti per gli ecosistemi per condurre acqua agli impianti di innevamento programmato quando in giro non piove da più di 2 mesi?

Ai controsensi a volte andrebbe detto no. Io non ci sto.

Voglio bene alle montagne e, siccome accendo la testa, gli sci li terrò in cantina finché una nuvola non si deciderà a portare l’inverno anche da noi.

La scelta di percorrere questa ferrata oggi deriva anche da questo, senza neve attorno sciare è solo un’ inutile tristezza che mi risparmio preferendo altri svaghi.

La ferrata Daumling, a suo modo, è fatta per prendere in giro queste montagne ingabbiandole con cavi, tiranti e zanche. Una di quelle che va di moda adesso. Non segue linee naturali. Non arriva sulla cima di nulla perché termina sulla schiena erbosa di un avancorpo raggiungibile con un comodo sentiero retrostante.

Ha nella sua peculiarità la spregiudicatezza di salire tratti verticali completamente lisci, dove però ci hanno ficcato delle zanche.. Cosa cambia quindi da una comune scala a pioli?

O di collegare massi e torri sopra al baratro quando basterebbe salire e ridiscendere un po’ per passare da un versante all’altro.

Rido, o meglio sorrido, solamente perché gli amici con le loro battute coinvolgenti mi strappano dai miei pensieri. Sarò troppo ecologista, sarò figlio di un’etica sorpassata, sarò carnico e bastian contrario ma queste rocce mi procurano un velo di tristezza.

Salendo scorgo vecchi chiodi arrugginiti, che siano quelli di Ernesto? Lui queste torri le accarezzava di sicuro. Gli volle bene come se ne può volere alla madre. Probabilmente i chiodi preferiva tenerseli legati all’imbrago piuttosto che batterli nella roccia rischiando di rovinarne le millenarie rughe di calcare.

Essere tristi per delle torri di roccia è da stupidi? Non lo so. Però lo sono.

Risaliamo le ultime rocce.

Hanno addomesticato tutto, anche le rocce. Pare questo l’ultimo elefante del circo. Deve rizzarsi sulle zampe posteriori e alzare la proboscide altrimenti sono dolori, sono frustate, chiodi fittoni e cavi d’acciaio. Lo spettacolo deve vincere, anzi, avvincere. Regalare emozioni ad un pubblico che paga e che deve tornare a casa con il brivido ancora disegnato sulla schiena,  meglio se con poca fatica.

In cima alla dorsale che sta frontale al Gartnerkofel  mi stendo a guardare il cielo, respiro l’aria tiepida nella vigilia dell’inverno.

Hanno domato l’elefante bianco, quest’anno forse l’inverno non arriverà più.

Il video:

Omarut, Max, Sbriz e Pelle

INFO UTILI: la ferrata Daumling è un percorso attrezzato per vivere attimi di “adrenalina” con un avvicinamento che d’estate può limitarsi a 15 minuti se sfruttati al caso gli impianti di risalita. Il percorso transita sulle torri che stanno a meridione del Monte Gartnerkofel guadagnando la cima della torre più alta e quindi collegandosi agli altri monoliti con ponti tibetani e attrezzature varie fino alla spalla erbosa dove terminano i cavi.

Ferrata a tratti molto esposta, classificata come difficile vista la lunghezza dei tratti verticali e la difficoltà di alcuni passaggi tecnici.

Raggiungibile dal Passo di Pramollo seguendo la strada sulla destra che risale alle malghe (passaggio accanto alla caratteristica chiesetta) e mirando al vallone di Sud-Est del Gartnerkofel. Cartelli in situ e cavi delle attrezzature visibili dal vallone.

Consiglio caldamente alle persone non tecnicamente/fisicamente abbastanza preparate  di evitare la salita di questa ferrata, diventerebbe un’inutile agonia!

Sviluppo circa 380m per un dislivello di circa 150 positivi.

Tempi di percorrenza indicati : 1h di salita e 30 minuti per il rientro al cartello iniziale seguendo il sentiero di discesa.

SAM_1253

 

 

6 pensieri riguardo “Il circo è a Pramollo, sulla ferrata Daumling

  1. Ciao Omar, cavolo le tue riflessioni colpiscono duro, forte, diretto. Si potrebbero aprire discussioni su tutti i fronti che riguardino montagna sport atletismo…
    Fatto sta che la penso come te.
    Oltreconfine stanno aprendo ferrate fatte di solo ferro, non seguono una linea logica neppure a pagarla e trapanano pezzi di ferro a destra e a manca. E premetto che a me le ferrate piacciono, perché mi permettono percorsi che non potrei mai avvicinare data la mia scarsa capacità alpinistica…
    Ma hai nominato “l’ Ernesto”…come lo chiamavano i suoi amici… hai ricordato che l’ ambiente va rispettato e protetto perché bene di tutti….
    E io queste ferrate, seppur atletiche, divertenti, stimolanti, non le voglio fare più.

  2. Brava Elena. Rispetto è un concetto che si sta perdendo. Qua sulle Carniche abbiamo ancora modo di insegnarlo (forse) partendo da una situazione di svantaggio turistico per volgerlo in chiave di “sostenibilità ambientale” diventando esempio per località blasonate che oramai, di fatto, hanno ghettizzato le stesse montagne che si vantano di rappresentare e rispettare. Speriamo solo nella lungimiranza di chi ci rappresenta e decide il futuro delle nostre terre.. La fiducia, si sa, è l’ultima a morire…

  3. Concordo con voi. Però, con un po’ di ottimismo si potrebbe dire che la scarsa “turisticizzazione” di Carnia e Friuli in generale potrebbero trasformarsi in un grosso vantaggio per un futuro a maggior consapevolezza ambientale… Per esempio che io sappia sono in forte ascesa le ciaspole o anche l’escursionismo invernale, mentre lo sci su pista va sempre meno… Sarebbe da cogliere questo cambiamento, proprio come hanno fatto ad es per “Cadore regno delle ciaspe” 🙂

    1. Ah si certo! Magari… Ma il ciaspolare o fare skialp è proprio questo. Andare per monti in maniera non invasiva, rispettando la natura senza ferirla all’ eccesso. Sono gli eccessi che non mi van giù…. questo è il concetto che volevo esprimere.

  4. Le carniche, da quando le ho scoperte…vuoi mettere, invece, poter far la coda su certi sentieri? O trovarsi due cordate davanti e altrettante dietro? Sono due anni che torno e torneró anche quest’anno e poi finché saprá mantenersi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...